Deprecated: __autoload() is deprecated, use spl_autoload_register() instead in /var/www/html/wordpress/fondazionefotografiamodena/ffm_curatori/wp-includes/compat.php on line 502

Deprecated: Function create_function() is deprecated in /var/www/html/wordpress/fondazionefotografiamodena/ffm_curatori/wp-includes/pomo/translations.php on line 208

Deprecated: Function create_function() is deprecated in /var/www/html/wordpress/fondazionefotografiamodena/ffm_curatori/wp-includes/pomo/translations.php on line 208
ARTECONTROLEMAFIE – Fondazione Fotografia

ARTECONTROLEMAFIE

ARTECONTROLEMAFIE è un progetto di residenza d’artista, da svolgersi in Sicilia, inserito nel più ampio spettro di E!state liberi, campi d’impegno e formazione promossi in tutt’Italia da Libera, il coordinamento di 1500 associazioni, nata nel ‘95 con l’intento di promuovere un collettivo attivismo nell’ambito della lotta alle mafie e incoraggiare legalità e giustizia.

La residenza si pone come obiettivo la diffusione di una maggiore consapevolezza in materia d’impegno contro qualsiasi forma di organizzazione mafiosa, tramite il coinvolgimento di giovani artisti emergenti, provenienti da scuole fotografia di tutta Italia, che vogliano contribuire con la loro sensibilità e le loro produzioni artistiche alla mission del progetto.

I giovani autori in residenza sono seguiti da personalità già affermate in ambito culturale e antimafia. Ogni anno viene affrontata una tematica particolare, dedicando questi “campi speciali/residenze d’artista” alla produzione di opere artistiche. Per la prima edizione proposta con il titolo Immagini della memoria sono coinvolti sei fotografi emergenti tutorati da Francesco Francaviglia, noto per la sua serie di ritratti Le donne del digiuno.

Le residenze sono strutturate in diverse attività correlate: volontariato, incontri sui temi dell’antimafia e della tutela dei diritti con esperti e testimoni, realizzazione di opere sulla base degli stimoli percepiti. Scopo futuro dell’iniziativa è quello di costituire un fondo fotografico, che diventerà il bacino da cui attingere per l’organizzazione di mostre itineranti e per la fondazione di un allestimento permanente in una delle strutture confiscate alla mafia.